/ Oltre 146.000 partecipanti all’elezione del nome vincitore
/ Tarraco, l’opzione preferita con oltre il 35% dei voti
/ Per la prima volta, la SEAT ha scelto il nome di un modello con una votazione popolare
/ Il nuovo SUV della gamma verrà lanciato alla fine di quest’anno

Verona – SEAT Tarraco, questo è il nome del terzo SUV del Marchio. I 146.124 fan SEAT di 134 Paesi che hanno partecipato all’ultima fase del #SEATseekingName hanno deciso che sarà Tarraco il nome del nuovo SUV del Marchio. Con 51.903 voti (35,52%), Tarraco si è posizionato in testa alla classifica, davanti ad Ávila, votato da 41.993 partecipanti (28,74%), Aranda, in terza posizione con 39.321 voti (26,91%) e Alboran, che ha raccolto 12.907 consensi (8,83%). I risultati delle votazioni sono certificati da EY.

Il nome Tarraco, come le altre tre proposte finaliste, è allineato ai valori di SEAT e rappresenta appieno la personalità del nuovo modello. La città, ora conosciuta come Tarragona, è il più antico insediamento romano della penisola iberica e fu la capitale dell’Hispania durante l’Impero Romano. Tarragona è una città mediterranea in cui si respira cultura, spirito giovane, storia e architettura, valori con cui SEAT identifica e che trasmette attraverso le proprie vetture.

Tarraco è il primo nome di un modello SEAT scelto dal voto popolare e il quattordicesimo luogo spagnolo associato a un’auto del marchio. Il primo modello SEAT che deve il proprio nome alla toponimia spagnola, la Ronda, risale all’anno 1982. Da allora, ne sono nati altri 12: Ibiza, Malaga, Marbella, Toledo, Inca, Alhambra, Cordoba, Arosa, Leon, Altea e le due più recenti, Ateca e Arona.

#SEATseekingName, un’iniziativa di successo

L'iniziativa #SEATseekingName ha superato tutte le aspettative. La Casa automobilistica ci ha tenuto a ringraziare pubblicamente tutti coloro che hanno partecipato, in particolar modo le città di Avila, Aranda e Alboran per la loro attivazione e mobilitazione. Nella prima fase le proposte dei fan SEAT (provenienti da 106 Paesi diversi) sono state 133.332, per un totale di 10.130 differenti nomi di luoghi spagnoli, come da linee guida definite dal Marchio.

Nella fase successiva di questo rigoroso processo di selezione ciascuna proposta è stata vagliata seguendo criteri linguistici e giuridici, mentre gli esperti coinvolti hanno verificato che i nomi si abbinassero ai valori della Casa e fossero in grado di trasmettere l’essenza del nuovo modello. Inoltre, il Marchio ha organizzato focus group nei suoi principali Mercati, e ulteriori prove e analisi di mercato nei Paesi dove SEAT vende le proprie vetture, fino a chiudere il cerchio con i quattro nomi finalisti.

Dalla formulazione matematica alla vita reale. Dopo aver definito il colore, devono essere eseguite le prove su una lastra di metallo per verificarne l’applicazione e l’effetto visivo. “Controlliamo la profondità e la complessità della sfumatura su lastre che poi vengono esposte sia alla luce solare, sia al buio per assicurarci che il colore applicato corrisponda a quello creato” aggiunge Jesús Guzmán, sempre del reparto Color&Trim.

Una sala operatoria con 84 robot. Nelle cabine, le vetture vengono verniciate a una temperatura compresa tra i 21 e 25 gradi. Due chili e mezzo di vernice vengono applicati su ogni auto, in un processo automatizzato eseguito da 84 robot che richiede 6 ore per ciascuna vettura. Le cabine di verniciatura sono dotate di un sistema di ventilazione simile a quelli presenti nelle sale operatorie, per evitare che polvere o altre impurità provenienti dall’esterno si depositino sulle vetture appena verniciate. Sette strati in totale, ciascuno dello spessore di un capello ma resistente come la roccia, vengono poi cotti in specifici forni a 140 gradi.

Alboran, Aranda, Avila e Tarraco sono stati i toponimi scelti. A quel punto, è stato dato nuovamente il via alla votazione affinché tutti i fan del Marchio potessero esprimere la loro preferenza, e il nome Tarraco è risultato vincitore.

SEAT Tarraco, la sorella maggiore della famiglia

Con l’arrivo della SEAT Tarraco, la Casa automobilistica conclude la più grande offensiva di prodotto di sempre e completa la propria famiglia di SUV, di cui fanno parte già la Ateca e la Arona, con un modello di grandi dimensioni, disponibile fino a 7 posti. L’offensiva di prodotto è iniziata nel 2016 con il lancio della Ateca e proseguita nel 2017 con l’aggiornamento della Leon, l’arrivo della quinta generazione della Ibiza e, infine, il nuovo crossover Arona. Il lancio della SEAT Tarraco è atteso per la fine di quest’anno.